In vacanza si mettono in pausa i pensieri, e si gode di quella leggerezza e spensieratezza tanto sognate in inverno.

Ma essere in vacanza non significa smettere di pensare al bene del nostro bellissimo pianeta, è importante continuare ad essere responsabili anche in riva al mare o facendo una passeggiata nei boschi.

Il turismo sostenibile è visitare i luoghi rispettando la natura, le tradizioni culturali degli abitanti, privilegiando spostamenti a 0 emissioni, sembra difficile ma non lo è, basta poco.

I consigli di Evvai per diventare un turista sostenibile:

  • Se la tua destinazione lo consente, parti in treno: è il mezzo con meno emissioni esistente. Una volta arrivato, cerca di spostarti a piedi, facendo lunghe e sane passeggiate, o in bici: entrerai in contatto con la vera essenza dei luoghi.
  • Privilegia i ristoranti tipici, che fanno uso di prodotti biologici a chilometro zero. In questo modo, sosterrai l’economia locale e anche le piccole produzioni contro la concorrenza delle grandi industrie;
  • Al mare è importante proteggersi dai raggi solari, fai attenzione anche alla crema protettiva: prediligi filtri organici e non chimici, che rispettano l’ecosistema marino;
  • Durante le passeggiate non strappare o calpestare fiori e piante, non portarti a casa souvenir naturali come coralli e conchiglie;
  • Rispetta le abitudini, i ritmi, la lingua e la cultura del popolo che ti ospita, anche questo è essere un turista sostenibile.

Viaggiare è bello, viaggiare amando e rispettando il pianeta lo è ancora di più!